Ester

on 19 marzo 2019
in
Back To The Portfolio
Back Home

METTERSI NEI PANNI DEGLI ALTRI

Immedesimarsi. Questa è la mia “parola ponte”. Ma cosa significa veramente immedesimarsi? Secondo me significa mettersi nei panni degli altri, provare le stesse emozioni dell’altra persona.
Fino a poco tempo fa non ne avevo capito il vero significato, ma dopo questa esperienza sì.
Era iniziata da poco la Scuola secondaria ed io mi trovavo molto bene con quasi tutti i miei compagni di classe; alcuni li conoscevo già dalla primaria, altri erano nuovi. C’era un ragazzino, però, che si comportava in maniera poco gentile con me: rubava sempre i miei oggetti scolastici e mi prendeva spesso in giro. Per questo motivo il ragazzo, di nome Luca, non mi era affatto simpatico! Io me ne stavo sempre con i miei amici e a lui non davo confidenza, me ne stavo nel mio “mondo” e non volevo saperne niente di lui. Era come se avessi alzato un “muro” invisibile tra me e Luca.
Un giorno, mentre stavo ridendo e scherzando con i miei compagni di classe più affiatati, ad un certo punto mi sono girata e ho visto Luca, da solo, che ci stava guardando desideroso di far parte anche lui del nostro gruppetto. Io in quel momento mi sono sentita un colpo al cuore. Durante la notte ho riflettuto molto su quel fatto e mi sono chiesta: “Perché si comporta così? Qual è la sua storia?”.
Allora ho cercato di immedesimarmi in lui. Il giorno seguente a scuola, dopo tutte quelle riflessioni notturne, ho cercato di avvicinarmi a Luca. Parlando, ho scoperto che lui non faceva apposta a prendermi in giro o a rubarmi gli oggetti scolastici, lo faceva solo per attirare l’attenzione. Mi ha parlato anche della sua famiglia, che i suoi genitori erano assenti e non aveva fratelli più grandi, anzi aveva un fratellino più piccolo a cui badare. Inoltre mi ha raccontato della scuola primaria. La scuola primaria per Luca era stata un inferno: era stato per tutti gli anni deriso da una compagna di classe. Ho cercato di “mettermi nei suoi panni” e capire le sue emozioni: gli ho chiesto scusa perché mi ero fatta un’idea errata su di lui, forse ero stata superficiale pensando che fosse una persona cattiva che voleva solo ferire le persone
Così si è abbattuto il muro che si era creato tra di noi.

« »

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>