Giulia

on 19 marzo 2019
in
Back To The Portfolio
Back Home

La parola ponte, per me, è EMPATIA, cioè cercare di mettersi nei panni dell’altro e vedere il mondo dal suo punto di vista in modo da rispettare le sue caratteristiche.
Fin da piccola sono sempre stata assai timida, e questo naturalmente comportava molti svantaggi, tra i quali il fatto che non riuscissi a relazionarmi subito con gli altri. Passavo tutto il mio tempo a pensare a cosa dire in una eventuale conversazione improvvisa o ad aspettare che qualcuno si avvicinasse a me, ma, d’altronde, chi vuole diventare amico di una bambina all’apparenza noiosa e triste? Insomma, a mio parere il primo passo lo dovevano fare sempre gli altri, ma capii col tempo che non funzionava così, perciò dovetti iniziare ad imparare a capire le persone per riuscire ad entrare in sintonia con loro. Potrebbe sembrare facile, ma io credo che per comprendere una persona ci voglia pazienza e tempo perché non sempre la gente si mostra come realmente è. Quindi, iniziai a diventare più empatica verso gli altri. E quando due persone diventano empatiche è splendido! Nulla è meglio di due cuori comprensivi insieme che si capiscono e si supportano. Il modo migliore di costruire ponti e, quindi, di abbattere muri è, secondo me, proprio questo: provare a toccare la sensibilità di un’ altra persona, darle calore e ascoltarla. Tutto dipende da chi si ha davanti e chi si sta cercando di capire. Grazie a questo mio nuovo modo di pensare e di vedere il mondo ora ho amici veramente fantastici, anche se purtroppo vedo che, spesso, più si diventa grandi e adulti, più non si ha voglia di essere empatici con gli altri, diventando, a mio avvisi, egocentrici. Io continuerò ad impegnarmi a capire le persone e continuerò a pensare che se si vuole un vero amico bisogna comprenderlo e fare in modo che lui riesca a comprenderti e a fidarsi di te.

« »

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>